martedì 11 maggio 2010

Autore del Mese



Luigi Pirandello

da'Uno, Nessuno e Centomila'
Io volevo esser solo in un modo affatto insolito, nuovo. Tutt'al contrario di quel che pensate voi: cioé senza me e appunto con un estraneo intorno. Vi sembra già questo un primo segno di pazzia? Forse perché non riflettete bene. Poteva già essere in me la pazzia, non nego, ma vi prego di credere che l'unico modo d'esser soli veramente è quello che vi dico io. La solitudine non è mai con voi, è sempre senza di voi, e soltanto possibile con un estraneo attorno: luogo o persona che siano, che del tutto voi ignoriate, così che la vostra volontà e il vostro sentimento restino sospesi e smarriti in un'incertezza angosciosa e, cessando ogni affermazione di voi, cessi l'intimità stessa della vostra coscienza."

Nessun commento:

Posta un commento