venerdì 27 maggio 2011

PERCHE' COSI' NOI SIAMO...

 LABORATORIO TEATRALE: HANDICAP E TEATRO.
A cura della Associazione IL GABBIANO

Una esperienza molto forte e intensa che mi ha dato tanto.

Prima di iniziare mi sono posta molte domande, la più importante era: ma cosa posso dare io a queste persone speciali? E come?

La risposta è arrivata da sola, cosa io abbia dato o abbia lasciato a loro non è niente in confronto a ciò che ho preso.

L’incontro tra teatro e handicap non è un evento straordinario, esistono molte compagnie teatrali cosiddette integrate, dove alcuni attori portatori di handicap recitano. Purtroppo, a parte gli addetti ai lavori, in pochi conoscono questa realtà, ma, seppure con non poca difficoltà, i laboratori integrati si stanno consolidando. Parlo di scuole e laboratori teatrali riconosciute dove sono ammessi anche diversamente abili.

Una volta conosciute le possibilità, per quella che è la mia possibilità, nel piccolo di questo gruppo, ho cercato di impostare un laboratorio integrato dove il pilastro sostanziale sta nel riconoscere i propri limiti e gli errori e viverli, non come un problema, ma cercando di superarli e di imparare da essi, o comunque usarli come una dote personale e unica.

Il teatro certo non elimina il deficit, ma aiuta a diminuire l’handicap, facendo sì che l’incontro tra il deficit e l’ambiente e la società, possa essere facilitato.

Il laboratorio è stato impostato sulle esigenze del gruppo e sul movimento del corpo, più che sulle tecniche espressive, quindi praticato cercando di stimolare ognuno di loro a prendere coscienza del proprio corpo e dello spazio che il corpo occupa. Impostando un lavoro personale su ciascuno dei partecipanti al laboratorio, in funzione delle loro potenzialità e della loro voglia di fare sono rimasta piacevolmente colpita dalla loro forza di volontà e dal loro entusiasmo. Il teatro non è fatto solo di attori, ma, e soprattutto è fatto di scene, costumi, luci, musica e tecnici, per questo motivo i gruppo è stato coinvolta anche nell’allestimento scenografico e nella preparazione dei costumi grazie alla collaborazione di Gilda e Carla e di tutte le volontarie del Gabbiano.

Il piccolo saggio che abbiamo preparato è solo un esempio di come ciascuno di loro si sia messo in gioco, ciascuno a suo modo ovviamente, ma comunque tutti insieme con gioia e con allegria. Considerate, ma questo voi lo sapete benissimo, che ogni gesto, ogni piccolo movimento che a noi sembra facilissimo e ovvio, anche solo uno schiocco di dita, per ciascuno di loro è stato raggiunto con fatica, ma infine il piccolo gesto è stato una rivelazione.

Basta davvero poco per farci sorridere, con la vostra approvazione ci renderete felici.



giovedì 26 maggio 2011

[Cool Text] We’re making Steve Jobs iProud with our new iText Logo Style

Cool Text Logo

It seems that, sometimes, things just need an "i" in front of them or they're just not as cool. So here at Cool Text we thought we'd add another victim to the long list of things that have been i-dified: Text, in our new iText Logo Style. A style to make even the phenomenal Steve Jobs proud. It's truly a magical and revolutionary logo style!

And don't worry - black and white aren't the only colors that this logo is available in. Just change the color to whatever you want - you don't even have to run to the fancy glass encased store to get this logo customized. This amount of customizability is typically impossible on things with an i in front of them.

Come and iRender your fully iCustomizable iLogo in:

iText Logo Preview

Available for free (likely the only thing with an i that is) at Cool Text.

If you no longer want to receive announcements of new features you may unsubscribe.

martedì 17 maggio 2011

Né noi, né gli altri :


il corpo, la maschera, la scena



Laboratorio sulla Commedia dell’Arte

diretto da Francesco Facciolli



Aprile 2011, 15-16-17



Montescaglioso – Abbazia San Michele Arcangelo



Lo scenario è splendido, l’abbazia benedettina, datata 1065 circa, è mistica, ricca di storia e di affreschi.

La temperatura atmosferica per niente clemente, fa freddino, ma ci pensa il bravissimo Francesco Facciolli a farci scaldare. In poche ore, 18 in tutto, ci fa lavorare e sudare, ci fa divertire e ci incanta con le sue meravigliose maschere.

L’idea di un laboratorio sulla commedia dell’arte è nata casualmente, da un incontro fortunato e proficuo a Marsciano.

La commedia dell’arte mi ha sempre appassionato, anche se la ritenevo non di facile approccio, e difatti non mi sbagliavo. Tanto di cappello agli attori che la praticano!

Il lavoro sul proprio corpo è estremo, le nozioni apprese, gli esercizi svolti, mi hanno fatto capire che un commediante dell’arte lavora, anzi deve lavorare, quotidianamente e meticolosamente sul corpo, sulla postura, sui movimenti che sono essenziali per la comunicazione che è tutta, o quasi tutta, fisica.

Gli sforzi corporei danno all’attore una maggiore consapevolezza di se stesso e delle proprie capacità, dimostrando che un attore non è solo voce, o solo presenza scenica, ma soprattutto è un corpo, plastico e modificabile, come dice Francesco, è un opera d’arte in continuo movimento.

Nella commedia dell’arte è il corpo a parlare, a comunicare e ad emozionare.

Abbiamo vissuto questa prima esperienza insieme con gioia e complicità, ma anche con una positiva e proficua curiosità.

Mi auguro che questa stupenda esperienza possa avere un seguito, magari in un prossimo futuro, poiché c’è davvero tanto da conoscere e da apprendere.



Maria Adele Popolo

lunedì 9 maggio 2011

[Cool Text] Prepare your logo for the post-apocalyptic world with the new Grunge Style

Cool Text Logo


Is your logo ready for any disaster? Supervolcano? Nuclear war? Asteroid impact? Badly dressed clown dictator? Alien invasion? Robotic takeover? Peak oil? Zombie infection? How come zombies never eat each others' brains?

Regardless, our new Grunge logo is here to serve all of your post-apocalyptic logo needs.

Grunge simulates the peeling paint that occurs when zombies are trying to claw in through the walls, or when a flood erodes away your house's nice new coat of paint, or when aliens just decide to play a fun prank and age your house a hundred years or so. You can change the color of the paint (zombies are known to live in mortal fear of the color aquamarine. Fact!)

You also get to decide the texture that fills the text behind the paint, so that your logo can be built out of whatever material you think will best weather the storm, or keep the vampires out. Change the paint damage level to change how much of the paint is missing, chipped, or gouged out by vicious man and wood eating plants.

The light still shines, usually even after the apocalypse*. Change the light amount option to customize how much light is shining on your logo.


Simulate your current state of disaster with:

Cool Text Grunge Logo Style

Now available at Cool Text!


*Cool Text does not supply a warranty on the sun, nor a guarantee that light will be available after your specific apocalyptic event. Please style your logo accordingly.

If you no longer want to receive announcements of new features you may unsubscribe.